7 Wonders

15/05/2011

Ludoteca

Informazioni

  • Autore: Antoine Bauza
  • Illustratore: Miguel Coimbra
  • Editore: Repos Production
  • Anno: 2010
  • Numero di giocatori: 2-7
  • Durata: 30 minuti

Di cosa parla

7 Wonders è un gioco di civilizzazione ambientato nel mondo antico. I giocatori guidano, in tre epoche storiche, uno dei popoli che costruirono le sette meraviglie del mondo. Per far progredire la propria civiltà, è necessario costruire edifici, fare scoperte scientifiche, potenziare le proprie armate, sviluppare il commercio e, naturalmente, costruire la propria Meraviglia. Ogni epoca, il cui termine è segnato da una guerra contro i popoli confinanti, porta con sé nuovi edifici e opportunità sempre più interessanti, a patto di avere le giuste risorse per ottenerle.

Le meccaniche di gioco

Ogni giocatore riceve una plancia raffigurante una delle Sette Meraviglie (Le Piramidi di Giza, il Colosso di Rodi, i Giardini Pensili di Babilonia, ecc.) e alcune monete.

In ognuna delle tre epoche, i giocatori ricevono un mazzo di sette carte. Per sei turni, I giocatori scelgono simultaneamente una delle carte da giocare e passano il mazzo al vicino di tavolo (in senso orario nelle epoche I e III, in senso antiorario nell’epoca II). Le carte sono di diverse tipologie (militari, culturali, scientifiche, risorse, ecc.) e possono essere giocate solo se si hanno le risorse necessarie alla loro costruzione (o se sono in possesso dei popoli confinanti, dai quali si possono acquistare). Alcune carte, se giocate, consentono di costruire gratuitamente un edificio suo successore.

Analogamente, “bruciando” una carta si può costruire uno stadio della propria Meraviglia. Ogni Meraviglia, se costruita, fornisce al giocatore un vantaggio unico (ogni plancia ha due facce con caratteristiche differenti).

Al termine di ognuna delle tre epoche, i giocatori combattono coi propri vicini: il vincitore ha una ricompensa in punti vittoria che cresce con le epoche. Lo sconfitto perderà sempre un punto vittoria.

Nell’ultima epoca saranno in gioco le Gilde, che forniranno al suo costruttore punti vittoria legati per alle caratteristiche della propria civiltà (e di quelle confinanti).

Come si vince

Al termine della terza epoca, si sommano i punti vittoria ottenuti grazie alle Guerre, ai soldi, al numero di stadi di costruzione delle Sette Meraviglie, agli edifici culturali, commerciali, ai punti fatti con le Gilde e con le scoperte scientifiche.Il giocatore che avrà totalizzato più punti vittoria è il vincitore.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Segui questa notizia

Abbonati ai feed RSS per continuare a seguire loodica.net

Trackbacks/Pingbacks

  1. Inaugurazione di 7 Wonders | Loodica - 16/05/2011

    […] 7 Wonders era perfetto per il sabato sera pre-pasquale romano: semplice ma non banale, mette attorno al tavolo sette giocatori, non dura eccessivamente. E poi era dalla Play a Modena che il gioco non veniva rinnovato.  Ne scaturiscono due partite. […]

  2. 7 Wonders - Loodica - Webpedia - 16/05/2011

    […] Informazioni Autore: Antoine Bauza Illustratore: Miguel Coimbra Editore: Repos Production Anno: 2010 Numero di giocatori: 2-7 Durata: 30 minuti Link utili Scheda del gioco Regole in italiano (pdf) Il sito dell’editore Articoli correlati Tutte le partite a 7 Wonders Di cosa parla 7 Wonders è un gioco di civilizzazione ambientato nel mondo antico. I giocatori guidano, in tre epoche storiche, uno dei popoli che costruirono le sette meraviglie del mondo. Per far progredire la propria civiltà, è necessario costruire edifici, fare scoperte scientifiche, potenziare le proprie armate, sviluppare il commercio e, naturalmente, costruire la propria Meraviglia. […] Leggi l'articolo completo su Loodica […]

  3. Play 2011: com’è andata | Loodica - 16/05/2011

    […] allo stand della Repos Production e il timore che l’hype avesse sopravvalutato il gioco), 7 Wonders meritava una seconda […]

  4. Una doppietta a 7 Wonders | Loodica - 10/08/2011

    […] giocatori, seduti al tavolo troppo tardi per un gioco lungo dimostrano perché 7 Wonders abbia così tanto successo: ha il miglior rapporto divertimento/durata di tutti. Ecco cosa è […]