Dungeon Lords

28/02/2010

Ludoteca

Dungeon Lords è un gioco di ambientazione fantasy di Vlaada Chvatil pubblicato dalla Czech Games nel 2009. Come in Dungeon Keeper (il videogioco della Bullfrog della fine degli anni Novanta), i giocatori, in veste di Custodi del Dungeon, devono preparare il proprio dungeon allo scontro con gli Eroi che osano avventurarsi.

Il gioco si svolge in due anni, ognuno di essi suddiviso in due fasi.

Nella prima fase, di puro piazzamento, i giocatori pianificano le azioni che serviranno a migliorare il proprio dungeon in attesa dell’arrivo degli Eroi: tramite i propri servitori, e con otto carte ordine (due delle quali rimarranno “bloccate” per un turno), i giocatori reclutano mostri e folletti, ingrandiscono il proprio dungeon, acquistano stanze, trappole e cibo, cercano oro o fanno pubbliche relazioni in città per sembrare meno cattivi. L’ordine di piazzamento in ognuna di queste zone è fondamentale: a seconda dell’ordine di arrivo, l’esito dell’azione sarà diverso.

In questa fase avvengono alcuni eventi decisivi: il giorno di paga dei mostri, la tassa di proprietà del dungeon, imprevisti vari e l’assegnazione degli eroi che si avventureranno nel dungeon.

Gli eroi sono di quattro tipi: il guerriero (che è sempre il primo della fila), il mago (che lancia incantesimi), il chierico (che cura il gruppo dopo un combattimento) e il ladro (che assorbe il danno dalle trappole). Ognuno di essi è identificato da un simbolo, e più è forte più la sua abilità è efficace (es.: un ladro con tre icone trappola annulla i primi tre danni di una trappola).

Gli eroi vengono assegnati in base alla cattiva fama di ogni giocatore: a ogni assegnazione (ne avvengono tre durante la prima fase), l’eroe più forte si posizionerà davanti al dungeon del giocatore più “cattivo”. Superato un certo livello di malvagità (riportato nell’esilarante “Evilometro”), un Paladino – un forte eroe che possiede tutte le abilità degli eroi “normali” – si piazzerà davanti al dungeon del Custode più temibile.

Terminato il primo anno, i giocatori affrontano l’incursione degli Eroi.

Il sistema di combattimento è piuttosto semplice: ad ogni stanza o corridoio il Custode sceglie se piazzare una o più trappole e uno o più mostri (il limite varia a seconda del luogo in cui avviene il combattimento). Dopodiché l’azione viene “svolta” algoritmicamente:

  • Gli Eroi subiscono gli effetti della trappola
  • Viene lanciato un incantesimo (se veloce)
  • Gli Eroi combattono col mostro
  • Viene lanciato un incantesimo (se lento)
  • Il chierico cura il gruppo (se è avvenuto un combattimento)
  • Il gruppo si affatica
  • Se il gruppo non è stato sconfitto, conquista la tessera e prosegue verso quella successiva

L’incursione termina se il gruppo viene sconfitto o alla fine del quarto round.

Salvo qualche piccola modifica, il secondo anno funziona come il primo. Gli Eroi che si presenteranno alle porte del dungeon saranno ovviamente più forti.

Terminata la seconda incursione, il gioco termina. I giocatori ricevono punti per le caratteristiche del proprio Dungeon (stanze e corridoi costruiti, risorse, mostri, ecc.) e grazie all’assegnazione di titoli (Custode con più Folletti, con meno tessere conquistate, il più cattivo nell’Evilometro, ecc.). Vince chi totalizza più punti vittoria.

, , , , , , , , , , ,

Segui questa notizia

Abbonati ai feed RSS per continuare a seguire loodica.net

I commenti sono chiusi.