Fiese Freunde Fette Feten (Funny Friends)

06/04/2009

Ludoteca

Fiese Freunde Fette Feten (Funny Friends) è un gioco di Friedemann Friese e di Marcel-André Casasola Merkle. Si tratta di un vero e proprio simulatore di vita: i giocatori vestono i panni di persone che, attraverso alcuni eventi della vita (conditi da amicizie, avventure sessuali, relazioni durature e fallimenti amorosi), lottano per raggiungere i loro obiettivi.

Ogni giocatore ha una plancia che riassume le proprie caratteristiche (dipendenza da alcool, fumo e droga, obesità, depressione, ecc.), le relazioni con altri giocatori (amicizia/sesso/amore) e le avventure da “una botta e via”.

A ogni giocatore vengono assegnati cinque obiettivi. Per raggiungerli, è necessario soddisfare alcuni prerequisiti dati dalle proprie caratteristiche o dalle relazioni con gli altri giocatori (più altri cosiddetti neutrali, non gestiti da nessuno). Ogni obiettivo, una volta soddisfatto, può portare a sua volta alla modifica di altre caratteristiche.

Per consentire ai giocatori di movimentare da subito la proprie caratteristiche, c’è un turno di “pubertà”. Tutti gli eventi di questa fase non hanno prerequisiti: a turno, ogni giocatore ne sceglie uno e lo applica alla propria scheda.

Successivamente, parte la fase della maturità: ogni turno vengono estratte 10 carte, che i giocatori cercheranno di accaparrarsi con un meccanismo di asta. Al proprio turno un giocatore può chiamare una carta, dichiarare un obiettivo, cambiare mazzo di obiettivi (pagando 4 segnalini tempo) o uscire dal turno. Prima si esce dal turno, più segnalini tempo si guadagnano per il turno successivo.

Alcune carte hanno come risultato l’amicizia di un’altra persona del gioco. Ciò fa sì che durante una partita si sviluppi una rete di relazioni (con altri giocatori e con amici neutrali): ogni giocatore può, una sola volta per persona, “intromettersi” nello svolgimento di una carta altrui per godere degli stessi risultati.

Oltre a lottare per i propri obiettivi, i giocatori possono provare a raggiungere un Megascopo, un obiettivo jolly comune a tutti i giocatori. Se qualcuno lo ottiene, lo fa suo e viene estratto un altro Megascopo.

Il primo giocatore la cui somma di obiettivi personali e Megascopi è cinque vince la partita.

, , , , , , , , , , , ,

Segui questa notizia

Abbonati ai feed RSS per continuare a seguire loodica.net

Trackbacks/Pingbacks

  1. Loodica » Funny Friends e il ritorno del figliuol prodigo - 06/04/2009

    […] ma se scegliamo Funny Friends giochi anche tu?”. “Certo” – risponde l’interessata nell’incredulità […]

  2. Loodica » Power Grid - Corea (senza Seul) - 07/04/2009

    […] sessione precedente, Funny Friends l’aveva sostituito all’ultimo momento. Viene così organizzata una sessione riparatoria […]

  3. Loodica » Partita a Stone Age (con una fan) - 18/09/2009

    […] L’assenza di Massi e Spine rischia di far annullare la serata, ma al terzetto composto da Luca, Alessia e Dando si aggiunge Claudia, attirata da quest’ultimo al tavolo con la promessa di giocare a Stone Age, il suo nuovo gioco preferito dopo Funny Friends. […]

  4. Spiel 2010 – Giorni tre/quattro | Loodica - 05/11/2010

    […] carta Warehouse, ci facciamo due chiacchere… ai complimenti per i disegni divertentissimi di Funny Friends mi risponde che mai più farà una cosa del genere per Friedemann Friese (in effetti, gli è […]