Space Alert

31/03/2009

Ludoteca

Space Alert è un gioco cooperativo spaziale di Vlaada Chvatil. Nei panni dell’equipaggio di una nave esploratrice, i giocatori devono affrontare e risolvere insieme le minacce, interne ed esterne, che si presentano nel settore nel quale sono stati inviati.

L’astronave viene catapultata in un settore sconosciuto dello spazio: il suo scopo è quello di mappare il quadrante nel quale è stata spedita. Il computer di bordo, che compie automaticamente le rilevazioni necessarie, ha bisogno di 10 minuti circa per mappare il settore, dopodiché effettua il salto verso la base.

Ma se è tutto automatizzato, a che serve l’equipaggio? L’equipaggio, che non prende parte alla raccolta dei dati, è nell’astronave per affrontare tutti gli imprevisti che capitano in quei dieci minuti: attacchi nemici, anomalie del computer, abbordaggi e malfunzionamenti dei sistemi. E’ quindi fondamentale riuscire a gestire le emergenze con una buona dose di lavoro di gruppo.

Il sistema di gioco è davvero innovativo: per simulare la concitazione di quei dieci minuti di missione, i tempi di gioco sono scanditi da una traccia audio computerizzata (il gioco contiene due CD di missioni: uno per le esercitazioni simulate e l’altro per le sessioni di esplorazione vere e proprie). La voce informa delle minacce esterne (alieni, mostri, meteoriti) e interne (incursioni, malfunzionamenti, sabotaggi), e i giocatori devono decidere cosa fare entro un termine prestabilito. Le azioni vengono decise da un mazzetto di carte a disposizione di ogni giocatore; ogni giocatore può muoversi (a destra, sinistra o su/giù) o attivare un comando della nave (i tasti A, B, C, e “droidi”, ognuno responsabile di un’azione specifica a seconda del settore della nave in cui il giocatore si trova).

La nave è composta da sei settori (due ponti di tre aree ciascuno): i ponti superiori ospitano armi, scudi e droidi di difesa, mentre in quelli inferiori si trovano, oltre a laser, missili e droidi di difesa, i circuiti energetici che alimentano tutti i sistemi della nave. I giocatori devono coordinarsi al meglio: per attivare gli scudi e sparare i laser è necessario che i circuiti, in quel preciso istante, abbiano energia sufficiente; per questo il capitano, che coordina le azioni, deve assicurarsi che ognuno faccia il proprio lavoro al momento giusto.

Terminata la traccia audio, e posizionate definitivamente le carte azione da parte di ognuno, inizia la seconda parte del gioco: lo svolgimento. Turno per turno, si eseguono le azioni dei giocatori e quelle delle minacce. Se qualcosa va storto, le minacce infliggono danni: ogni danno dà luogo a un malfunzionamento di uno dei sistemi di bordo di uno dei settori colpiti (laser meno potenti, ascensori guasti, scudi ridimensionati, ecc.). Ogni settore può sopportare fino a sei danni: se i giocatori non riescono ad evitare il settimo colpo, la nave esplode e la missione fallisce. Altrimenti, la missione è compiuta e i giocatori tornano sani e salvi a casa!

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Segui questa notizia

Abbonati ai feed RSS per continuare a seguire loodica.net

Trackbacks/Pingbacks

  1. Loodica » La prima missione a Space Alert - 21/04/2009

    […] ad Essen e aspettato a lungo, Space Alert viene imposto da Dando a un gruppo poco propenso ai giochi cooperativi. Nonostante la poca voglia a […]

  2. Loodica » Space Alert: ricomincia l’addestramento - 21/04/2009

    […] scatola di Space Alert viene riaperta dopo una settimana. Sfortunatamente non è possibile partire per una missione reale, […]

  3. Loodica » Il prototipo di Dungeonlords - 14/07/2009

    […] presente la scheda di Dungeonlords, il prossimo gioco di Vlaada Chvatil – l’autore di Space Alert – che uscirà in occasione dello Spiel ‘09 ad Essen. Per adesso ci sono poche notizie e […]

  4. Spiel 2010 – Giorni tre/quattro | Loodica - 05/11/2010

    […] ma Travel Blog è troppo poco anche per un fan. Vorrei poter prendere anche l’espansione di Space Alert, ma dato che non c’è verso di giocare mai al gioco base, sarebbe […]