Radar: Munera – Familia Gladiatoria

01/10/2010

Radar

Munera – Familia Gladiatoria è un gioco di Matteo Santus, ambientato nel mondo degli spettacoli circensi dell’antica Roma. E’ il titolo d’esordio della Albe Pavo, giovane studio di progettazione di giochi italiano. La grafica è a cura di Jocularis.

Di cosa parla

In Munera – Familia Gladiatoria, i giocatori vestono i panni dei lanisti, gli uomini che in epoca romana gestivano le palestre dei Gladiatori. Lo scopo del gioco è quello di guadagnare gloria attraverso l’addestramento dei Gladiatori e l’organizzazione dei combattimenti.
Ogni turno, i giocatori alternano una fase di gestione, nella quale si acquisiscono sia nuovi gladiatori che minister, collaboratori come medici, armaioli ma anche prostitute (!), a una di combattimento, dove si scelgono i luoghi dove si terranno gli spettacoli e si combatterà per ottenere punti Gloria. Il primo giocatore che raggiungerà 15 punti Gloria sarà il vincitore.

Perché vale la pena comprarlo

Perché promette il meglio dei due mondi (quello tedesco e quello americano), un gestione risorse con i combattimenti: l’erede “violento” di Colosseum. A nostro parere, dopo Republic of Rome pochi giochi ambientati nell’antica Roma hanno colpito nel segno; Munera – Familia Gladiatoria potrebbe riuscirci. Inoltre, per entrare più nel particolare, è apprezzabile il coinvolgimento delle palestre che non partecipano al duello (scommettendo e sabotando) e la divertente e sadica meccanica delle aste simultanee. Infine, nel gioco sono incluse 120 bustine per proteggere le carte!

Perché non vale la pena comprarlo

Alea? Interazione diretta? Gente che muore? Prostitute? Il purista del German Game avrà uno shock anafilattico!

Quanto costa

39,90€

Dove trovare qualche informazione in più

(Pre)giudizio

Da provare

Com’è andata a finire

Munera esce dal Radar senza esser stato ancora provato

(I diritti delle immagini sono copyright Albe Pavo)

, , , , , ,

I commenti sono chiusi.