Radar: Target Earth

14/10/2010

Radar

Target Earth è un gioco cooperativo di Jacobo Cagigal a tema fantascientifico. Il gioco è illustrato da Sergi Marcet ed è pubblicto dall’editore spagnolo Gen-X Games.

Di cosa parla

I giocatori sono a capo di rispettive basi segrete, impegnate a combattere un invasore alieno che ha attaccato la Terra e ha installato basi nei Paesi sottomessi. Scopo del gioco è quello di sconfiggere la minaccia in sette turni.

Proprio come nell’indimenticato videogioco XCOM: UFO Defense, ogni giocatore ha una propria base, che deve gestire costruendo edifici, reclutando truppe – che parteciperanno alle missioni – e acquistando caccia – che intercetteranno e abbatteranno gli UFO. Le analogie non si fermano qui: attraverso la ricerca, i giocatori decidono come migliorare la propria tecnologia, e con la diplomazia potranno portare altre nazioni ad appoggiare la causa (e finanziare la resistenza).

Perché vale la pena comprarlo

Perché XCOM è stato uno dei videogiochi più belli mai realizzati, e Target Earth è la sua riproposizione quasi fedele. Perché è un gioco dove non è presente solo il combattimento, ma anche diplomazia e ricerca. E poi, se non piacesse a nessuno dei compagni di gioco, si può giocare anche in solitario.

Perché non vale la pena comprarlo

Perché chi ama i giochi cooperativi lo digerirà male (anche se c’è una variante competitiva, basata su obiettivi segreti per ogni giocatori, nella quale o perdono tutti o vince una sola fazione).

Quanto costa

45,00€ (ma su BGG l’editore parla di uno sconto per lo Spiel)

Dove trovare qualche informazione in più

(Pre)giudizio

Da provare

Com’è andata a finire

Niente da fare. Grafica poco vintage e bassa qualità dei materiali

(Image reproduced is copyright Gen-X Games)

, , , , , , , , , , , ,

I commenti sono chiusi.