Spiel 2011 – giorno uno

31/10/2011

Segnalazioni

Questo articolo è parte del racconto dello Spiel 2011: leggi i resoconti del giorno zero, uno, due, tre, quattro, o guarda la galleria fotografica

L’ingresso da espositori ci evita la tradizionale coda chilometrica per i biglietti e la ressa da stadio per l’ingresso alla fiera. Ne approfittiamo subito per fiondarci al padiglione 4 per prendere Dungeon Petz (qualcosa mi dice che terminerà presto). Attendo un po’ troppo, e Vlaada Chvatil sparisce nel nulla: decido di aspettare il suo ritorno per avere il suo microscopico autografo sul gioco.

Prima tappa: Pearl Games

Pur avendolo preordinato da tempo, decidiamo di sederci per provare Tournay, ultima creatura di Georges, Orban e Dujardin. Tra l’altro, il pancale con Tournay è appena arrivato, e ci sediamo alle 10.05 con i resti dell’imballaggio ancora accanto a noi.
Come l’anno scorso con Troyes, è Alain che lo spiega a noi e a due simpatici ragazzi di Seattle, che una volta saputa la nostra origine, ci dicono che è davvero un peccato per loro non poter andare anche a Lucca Games (!).
Vince Alessia. Il gioco è molto carino: ritiro la copia preordinata e la faccio autografare dai tre autori.

Dungeon Fighter è arrivato!

Passiamo allo stand della Cranio, in festa per l’arrivo delle scatole di Dungeon Fighter.

I loro tavoli sono pieni e Dungeon Fighter (ma anche Horse Fever, Escape From The Aliens In Outer Space e Sake & Samurai) vendono bene.

Alessia inganna l’attesa scavalcando lo stand e aiutando i ragazzi a vendere i giochi. La hotness di DF è alta, e la gente passa dallo stand per comprare a scatola chiusa (e il gioco è disponibile solo in tedesco).

Panic Station

Dato che Cranio Creations distribuirà i giochi della White Goblin, affrontiamo il loro stand con meno ansia rispetto all’anno precedente.

Tra i tantissimi nuovi titoli WG di quest’anno, Panic Station e Rattus Africanus sono nel mio radar.

Il tavolo dove si gioca al secondo è preso, ma è libero quello di Panic Station. Altri due visitatori si uniscono a noi e inizia la spiegazione. Il gioco non ci piace per niente: per fortuna fa uso di colori, il che ci autorizza a sospendere le spiegazioni per colpa del mio daltonismo. Per fortuna!

Scusate, siamo in lista

Sono quasi le 13.30: un veloce currywurst e poi di corsa allo stand della 2f-spiele, dove abbiamo prenotato una partita. Scelta saggia: come ogni anno lo stand è preso d’assalto per provare Friday e Power Grid – the First Sparks… passare avanti a quelli in coda ci provoca i peggiori accidenti tra gli astanti. Quello che ci spiega le regole chiede se conosciamo Power Grid: alla risposta affermativa nostra e dei due nostri compagni di gioco tedeschi, l’ambientazione salta! Il grano diventa carbone, la canna da pesca si trasforma in una centrale a petrolio, gli spazi caccia diventano città, ecc.

Vinco io, il gioco ci piace (ed è da 6!) faccio tesoro dell’esperianza passata e lo prendo in inglese alla Rio Grande (dove mi aggiudico anche The Robots e Style is the Goal, l’espansione per Stone Age a lungo attesa).

Friedemann Friese

Torno alla 2f-spiele per farmi autografare la copia di First Sparks da Friedemann. Facciamo due chiacchere su Robots. Sono molto curioso di vedere come funzionerà nelle nostre partite: Friese è soddisfatto dell’intelligenza dei robot: sono competitivi fino alla decima/undicesima città, poi i giocatori cambiano marcia e i robot rimangono al palo. Alla fine arrivano ultimi, anche se una volta – ci ha raccontato – un robot è riuscito a terminare una partita per secondo!

Salutiamo Friese, ci accaparriamo la carta promo Supply Contract per Power Grid e non prendiamo Friday (un solitario a cui non giocheremo mai).

Chi si rivede!

Nel giro di venti minuti, rivediamo Thomas & co, abitudinari della fiera, Michele (il Campione di Power Grid alla Play) e Fabio “Pinco” di Giochi sul nostro tavolo.

Vogliamo provare a giocare a Fief, per cui fissiamo genericamente per vederci più tardi.

Ci riusciamo solo con Fabio, alla eggertspiele, per provare Santiago de Cuba. Ma sono le 18.30: il tempo per una lettura delle regole e un paio di giri, poi ci scacciano dallo stand. Sarà per il giorno dopo.

Il buffet che non ti aspetti

Il primo giorno di fiera è finito, ma veniamo invitato allo stand della Ludofact a un buffet.

I tedeschi li sanno fare, i buffet: oltre a tutte quelle cose deliziose e grassissime da mangiare, ci gettiamo sulla buonissima birra alla spina che i camerieri ci portano a nastro.

Dal giorno dopo sono ripassato dal loro stand con un grande senso di nostalgia.

A casa

Mentre un terzo degli abitanti della casa sistema il prototipo di 1969, noi ci dedichiamo a Last Will, ultima creatura di Vladimir Suchy. Sarà l’ora tarda e le regole esageratamente lunghe, ma la partita non va oltre al setup e a un paio di turni. Per due giorni, quel tavolo rimarrà apparecchiato con il gioco.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

6 Risposte per “Spiel 2011 – giorno uno”

  1. Orologiaio Dice:

    E come non citare la geniale idea delle ultime copie dei giochi a prezzo crescente dello stand lì a fianco? :D

Trackbacks/Pingbacks

  1. Spiel 2011 – giorno uno - Loodica - Webpedia - 31/10/2011

    […] L’ingresso da espositori ci evita la tradizionale coda chilometrica per i biglietti e la ressa da stadio per l’ingresso alla fiera. Ne approfittiamo subito per fiondarci al padiglione 4 per prendere Dungeon Petz (qualcosa mi dice che terminerà presto). Attendo un po’ troppo, e Vlaada Chvatil sparisce nel nulla: decido di aspettare il suo ritorno per avere il suo microscopico autografo sul gioco. Prima tappa: Pearl Games Pur avendolo preordinato da tempo, decidiamo di sederci per provare Tournay , ultima creatura di Georges, Orban e Dujardin. […] Leggi l'articolo completo su Loodica […]

  2. Spiel 2011 – giorno due | Loodica - 31/10/2011

    […] partita a Santiago de Cuba del giorno prima era durata poco meno di due turni: sfruttando l’ingresso anticipato, ci piazziamo ai tavoli della eggertspiele dieci minuti […]

  3. Il racconto dello Spiel 2011 | Loodica - 31/10/2011

    […] Giorno uno – 20 ottobre: l’apertura ufficiale, le prime partite, gli amici ritrovati, il dopo-fiera […]

  4. Spiel 2011 – giorno tre | Loodica - 13/11/2011

    […] Questo articolo è parte del racconto dello Spiel 2011: leggi i resoconti del giorno zero, uno, due, tre, quattro, o guarda la galleria […]

  5. Play 2012 – Un promemoria del week-end ludico | Loodica - 22/03/2012

    […] conquista dello spazio vista da Andrea Crespi e Cranio Creations. Grafica semi-definitiva e l’aver assistito all’assemblaggio del prototipo esposto a Essen sono le poche informazioni che abbiamo di questo gioco. Sarà interessante scoprire […]