Alta Tensione in Cina

10/08/2010

Sessioni

Per Peter è finalmente giunto il momento per giocare a Power Grid. La presenza del Paga e i giocatori (cinque, numero perfetto) rendono inutile la scelta del gioco ma solo della mappa. Dopo una laboriosa votazione, vince la Cina.

Peter piazza a est: si insinuerà nel ventre molle della Cina, non disdegnando escursioni a nord e sulla costa. Alessia sceglie il sud-ovest, più costoso ma più tranquillo: da lì risalirà lungo la zona centrale arrivando a Pechino. Il Paga parte da Pechino, rischia un imbottigliamento che risolverà con qualche salto. Massi sceglie la zona nord-est: miracolosamnte solo, vivrà di rendit per molti turni, rischiando il blocco in seguito. A Dando, ultimo a piazzare, non resta che mettersi tra Alessia e Peter: soluzione costosa per i collegamenti ma mai a rischio blocco.

La partita vede un gran dispendio di petrolio: si salvano Peter (che vive di spazzatura e nucleare) e Dando (che ha centrali ottimizzate – ma pagate carissimo all’asta). Gli altri devono fare i conti con spese più ingenti. Alla vigilia dello step 3, tutti sono appaiati.

Quando arriva lo step 3, Massi sembra fuori gara, o almeno sembra a giudicare dai suoi rimpianti. Stessa situazione per Dando, che per affrontare l’ultimo turno ha dovuto comprare una centrale dispendiosa. Alessia, Andrea e Peter sembrano invece appaiati e pronti a dividersi la vittoria.

Ma sbagliano: quella di Massi era la solita tattica. In tasca ha molti più soldi degli altri, e in un turno riesce a chiudere il gioco e vincere con 46 Elektro in più del secondo classificato.

Classifica

  1. Massi 15 città (50 Elektro)
  2. Paga 15 città (4 Elektro)
  3. Alessia 15 città (2 Elektro)
  4. Peter 15 città (2 Elektro)
  5. Dando 14 città


, , , , , , ,

I commenti sono chiusi.