Inaugurazione di El Grande

14/09/2010

Sessioni

Con ben tre defezioni i superstiti hanno la possibilità di giocare a mezza dozzina di giochi. Duccio, davanti a una scelta difficile, alla fine opta per El Grande, direttamente dalla collezione di Peter. Sarà un’inaugurazione per tre dei quattro giocatori seduti attorno al tavolo.

La partita è a due velocità: all’inizio Dando e Luca partono forte, lasciando indietro Peter e al palo Duccio. Poi Peter inizia a macinare e raggiunge Dando, sfortunato nella posizione di partenza (la Galizia) ma molto fortunato nella parte centrale della partita: riesce a spostare il proprio El Grande in una zona migliore e  piazzare il re a bloccare altri tentativi. Peter ha una strategia più lungimirante: grazie a un’attento piazzamento fa punti un po’ dappertutto, e imperversa nelle ricche regioni centrali, terminando la partita in crescendo. Luca parte bene ma si infogna in una sanguinosa guerra di maggioranze a Valencia, dalla quale uscira sconfitto: ciò gli permetterà però di occupare altre regioni e di utilizzare il Castillo (utilizzato fino a metà partita solo da Dando e Peter).

Duccio è il vincitore della guerra di maggioranza, ma la vittoria è a caro prezzo: una decina dei suoi cubetti è a Valencia, ma nelle altre zone fa punti marginali. Si riprende occupando Siviglia, ma non potendo usare il Re al meglio non riesce a tutelare i suoi cubetti.

Duccio è più indietro e Luca si fa sotto, ma la battaglia sarà tra Dando e Peter: il primo ha solo quattro regioni, e un errato piazzamento dei cubetti nel castillo gli farebbe perdere punti prezioso; il secondo occupa quasi tutti i territori e farà un bel po’ di punti in ogni caso.

La fortuna ride di nuovo a Dando: Luca, che può ostacolarlo, piazza i suoi quattro cubetti nella stessa zona di Dando, che con i suoi tre mantiene la maggioranza e fa i punti precisi che gli permettono di vincere.

Classifica

  1. Dando 122
  2. Peter 115
  3. Luca 102
  4. Duccio 94

(image courtesy of Chris Norwoodview CC License)

, , , , , , ,

I commenti sono chiusi.