Partita a Power Grid: Cina!

powergridchinakorea

Lui vuol giocare solo a Power Grid: è l’unico gioco che gli risveglia il principio decoubertiano della partecipazione. E siccome vorrebbe un gioco ancora più “asciutto”, viene accontentato con la mappa della Cina.

Dal gioco viene eliminata una regione centrale. In questo modo si viene a formare una strettoia tra le due regioni più a Est e il resto della mappa.

Dando si piazza sulla strettoia. Viene però chiuso a Est dal Paga e ad Ovest dallo Spine e dal Massi. Luca parte indisturbato dal centro-sud. Non vedrà un’anima fino allo step 2. Mentre Luca si espande tranquillamente nella sua zona, il Paga e Dando si dividono la regione a Est, il Massi mette un mattoncino a Est e poi cerca di ostacolare lo Spine. Quest’ultimo scende verso le città del sud.

Come ogni partita con la mappa della Cina, le aste centrali sono terribili. A lungo tutti rimangono a corto di soldi, vuoi per l’altissimo costo dei materiali, vuoi per i continui salti che tutti – tranne Luca – sono obbligati a fare.

Lo Spine attiva lo step 2. Il Massi dilaga a Est, il Paga attende e Dando fa un sacrificio attraversando la regione bandita dal gioco per piombare nelle città di Luca.

Il Paga sembra più avanti, e sembra aver intenzione di chiudere il gioco. Tutti ci mettono del suo per fermarlo: Dando si svena letteralmente per togliergli il carbone e gli altri chiudono tutti gli spazi disponibili a una comoda espansione.

Arriva lo Step 3: quattro centrali sono disponibili quando tutti e cinque ne hanno bisogno. Il Paga si aggiudica una centrale da 7, il Massi si svena per una centrale che gli consente di tenergli testa. Luca strappa allo Spine una centrale a carbone, mentre quest’ultimo ha la meglio su Dando (che risente del sacrificio economico del turno precedente) per l’ultima centrale disponibile.

E’ l’ultimo turno. Dando, Luca e lo Spine fanno i loro piazzamenti, ma sanno di essere lontani dalla vetta. Tocca al Paga una scelta terribile: il Massi si è svenato per acquistare la centrale, ma lui ha speso un capitale per le risorse. Che fare? Chiudere la partita sperando che il Massi abbia meno soldi o arrivare a 14 città e sperare che il Massi non chiuda? Il Paga opta per la prima scelta, così il Massi è costretto a raggiungerlo. Il gioco finisce, e per soli 7 Elektro la spunta il Paga.

Classifica:

  1. Paga 15 città (10 Elektro)
  2. Massi 15 città (3 Elektro)
  3. Spine 14 città
  4. Luca 12 città
  5. Dando 11 città


,

Una Risposta per “Partita a Power Grid: Cina!”

  1. Paga Dice:

    Con il numero di centrali limitate e progressive (centrali però disponibili ad ogni asta in toto), con le risorse scarse e con un rimpinguo + o – fisso, è la mappa che forse mi piace di più. La Cina ti dice il’90% di quello che devi sapere a priori, lasciando il caso al giocatore; è solo lo Step 3 che non sai quando arriverà, ma neanche, perchè sai collocarsi in un momento + o – dato.
    Questa mappa evidenzia le capacità personali: lasciando molto poco al caso conta tantissimo il giocatore, l’intelligenza di costruire una strategia ed abbandonarla immediatamente; conta la sua elasticità, capacità di adattamento. La Cina ad ogni turno è una partita diversa e ti costringe ad essere un gicatore tale.