Partita a Stone Age

03/02/2009

Sessioni

stoneage

Una serata con meno di cinque giocatori è merce rara in questo periodo. Massi rinuncia, minacciando però una visita nel caso si giochi a Power Grid. Ma la serata è ideale per dedicarci a quei giochi da massimo quattro giocatori, come Royal Palace e Stone Age. Vince il secondo.

Curiosamente, le tribù tentano strade subito diverse: Alessia punta alla crescita demografica, monopolizzando il “capanno dell’Amore”. Luca accumula risorse per costruire capanne, Dando predilige utensili e capanne mentre lo Spine si dedica decisamente agli utensili.

Già da metà partita, Dando è chiaramente fuori gara: una serie imbarazzante di tiri di dado sfortunati (e nei momenti più delicati) non gli consente prima di dare da mangiare alla propria tribù (-10 punti), poi gli impedisce, all’ultimo turno, di acquisire un commercio e una capanna. Chiude ultimo, risollevato parzialmente dai punteggi di utensili e costruttori.

Luca costruisce molto e molto bene: scappa verso la vittoria e a fine partita chiude davanti a tutti. Inoltre, investe molto sulle carte civiltà, ottenendo buona parte dei punti a fine gara. Sfortunatamente, non acquisisce molte carte ruolo, per cui i moltiplicatori finali lo penalizzano, facendolo finire terzo.

Alessia adotta una strategia molto particolare: puntando su popolazione (utilizzerà tutti i segnalini a sua disposizione) e agricoltura (sarà quasi indipendente dalla caccia), satura ogni spazio e ogni luogo disponibile (memorabili le sue vagonate di legname ottenute a ogni turno). Inoltre, fa buoni punteggi in tutti i ruoli disponibili (in special modo con gli Sciamani e i Contadini). Le manca la spinta finale: chiude la gara con pochi punti “in chiaro” e ha poche carte civiltà per il calcolo finale. Finisce seconda.

Lo Spine usa una tecnica molto originale: resosi indipendente dalla caccia e mantenendo una tribù molto piccola, ma forte di utensili molto evoluti, supplisce la poca numerosità con l’efficienza: costruisce il giusto, si limita ad accumula moltissimi fabbri e svariate carte civiltà, ignorando o quasi tutti gli altri ruoli. Arriva secondo dietro a Luca per punti “in chiaro”, ma decolla nel calcolo finale, trascinato dai Fabbri (60 punti!) e dalle carte cività. Vince distaccando decisamente Alessia.

Classifica:

  1. Spine 195 (110+60+0+0+10+25)
  2. Alessia 173 (89+5+50+28+1)
  3. Luca 155 (111+0+7+12+0+25)
  4. Dando 128 (73+21+25+0+0+9)

(Tra parentesi, in ordine, il punteggio totalizzato di punti vittoria, fabbri, costruttori, sciamani, contadini, carte)

, , , , , , ,

Trackbacks/Pingbacks

  1. Loodica » Partita a Stone Age - 06/02/2009

    […] la bella partita dell’ultima volta, la curiosità di provare una partita a Stone Age in due era alta: le meccaniche raffinate – […]