Partita elettrica a Mégawatts

megawatts

Power Grid (con tutte le espansioni) è rimasto a Roma: una scusa in più per giocare finalmente a qualcos’altro? No: il Paga vuole armeggiare con gli elettrodotti prima di partire per Verona, e propone Mégawatts. Come magra consolazione, Dando ottiene di giocare con la mappa del Québec.

Paga, Spine e Alessia si dividono Montreal e zone limitrofe. Luca si piazza nella zona centrale, ricca di collegamenti a basso costo. Con una strategia borderline, Massi opta per la zona nord-est del Québec, dove le prime quattro città hanno collegamenti convenienti. Dando trova incredibilmente libero il blocco di tre città di Québec e ne occupa una, mettendo però un tappo alla costosa zona Est.

La partita scorre più lentamente del solito, vuoi per l’effettiva difficoltà del Québec (una mappa piena di strozzature, dove incastrarsi è un attimo), vuoi per la scarsissima qualità delle centrali proposte nel mercato futuro. A causa di quest’ultimo particolare, tutti si tengono ciò che hanno: centrali poco efficienti e/o costose in termini di materiali. La loro presenza impoverisce presto il mercato (specialmente il carbone).

La vigilia dello step 2 dura qualche turno: tutte le città vicine agli elettrodotti di Alessia, Spine, Luca e Paga sono occupate, mentre Dando e Massi, che volendo possono espandersi a 6 città, attendono tempi migliori perché il mercato centrali non offre niente di buono. La tensione è palpabile e sfocia in un battibecco tra i giocatori (qualcuno lo dice da tempo: bisogna prenderci una pausa da questo gioco…). Alla fine il Paga rompe gli indugi e, con un paio di “salti”, unisce la sua sesta città e fa partire lo step 2.

Finalmente tutti possono espandersi: iniziano a uscire le prime centrali da 5 e da 6 (Luca e Alessia acquistano due merdodromi che danno il colpo di grazia alle già scarse risorse di carbone). Dando deve accontentarsi di una ibrida da 4 il turno precedente a quello che darà il via allo step 3.

Mentre gli altri raggiungono tra le 9 e le 13 città, Luca prova a chiudere forte della sua supremazia elettrica. Per pochi spiccioli non ce la fa e, dopo tantissime partite, i giocatori assistono a un secondo turno dopo lo step 3! Tutti hanno l’opportunità di acquistare una buona centrale, ma Alessia e Massi sono corti (prima dell’ultima asta, due delle tre centrali a loro disposizione erano troppo piccole). Inoltre, il Paga ha pochi fondi. Se la giocheranno lo Spine, Luca e Dando, che possono illuminare 16 città. Lo Spine muove per primo e chiude il gioco a 15 città. Luca e Dando fanno lo stesso, ma neanche loro riescono ad arrivare a collegare 16 città. Il vincitore verrà decretato dal denaro rimasto: per una manciata di Elektro lo Spine batte Luca e Dando.

Classifica:

  1. Spine 15 città (20 Elektro)
  2. Luca 15 città (12 Elektro)
  3. Dando 15 città (9 Elektro)
  4. Massi 14 città
  5. Alessia 13 città
  6. Paga 12 città


, , ,

I commenti sono chiusi.