Partita schizofrenica a Power Grid

23/09/2008

Sessioni

La serata è decisa prima ancora di mettersi a sedere: sarà una serata Power Grid, da giocarsi sul campo della Cina.

Partita strana, difficile non tanto per le poche risorse, ma per la bizzarra – quasi schizofrenica – espansione territoriale e per l’esclusione di un territorio centrale nella mappa.

Parte bene il Paga, che soffia le prime città al Massi e chiude Dando nelle zone più remote e costose. Massi si mette tra Dando e lo Spine, mentre quest’ultimo lotta con Luca per non rimanere chiuso. Quando sembra che lo step 3 durerà quel tanto che basta per rinnovare le centrali di tutti, il Paga gioca in modo da chiudere la partita al turno successivo.

Ciò porta a una piccola rivoluzione: tutti hanno necessità di potenziare le centrali e l’asta non può accontentare tutti. Dando è il primo a fare la cazzata e si ritira dai giochi perché si “dimentica” di avere 50 elektro in tasca. Poi tocca al Paga, che calcola male le città illuminabili e compra una centrale poco potente (glielo fa bastardamente notare Luca quando la transazione è ormai cosa fatta). Lo Spine ha i soldi ma non la potenza giusta, Massi ha le centrali giuste ma rimane senza soldi.

La zampata finale la dà Luca, che dalle retrovie dà fondo alle sue riserve pecuniarie e balza in prima posizione insieme al Massi. I soldi in più – 15 Elektro contro zero – gli garantiscono la vittoria!

Classifica

  1. Luca 16 città (15 elektro)
  2. Massi 16 città (0 elektro)
  3. Paga 15 città
  4. Spine 14 città
  5. Dando 13 città


, , , , , , , ,

I commenti sono chiusi.