Power Grid della Liberazione

enbwpartita2

Dopo la grande Sagra a Monteloro e le quattro pere rifilate alla Roma da una straordinaria Fiorentina, a mezzanotte viene lanciata l’idea di concludere la serata con una partita a Power Grid. Nonostante i bidoni dei giocatori storici, si decide di attraversare la città invasa dalla polizia e dai tifosi romanisti per aprire la scatola di Power Grid – EnBW edition e aggiungerci la variante + del Deck 2 e il Flux Generator.

Alessia parte per prima, e si piazza al centro della mappa. Il Massi gli si piazza a ovest, una zona con bassi costi di connessione. Il Paga a sorpresa si mette sotto al Massi, lasciando a Dando, ultimo a piazzare, quasi tutta la parte sud.

Nella prima parte della partita Dando, con centrali a petrolio e termovalizzatori, si espande senza troppi intoppi. Alessia (che ha due centrali ecologiche e una conveniente centrale a carbone) e Massi (col Flux Generator) si dividono i territori del nord-ovest e il Paga (con un misto di nucleari e ibrida) si espande in orizzontale, tagliando in due il Baden-Wurttemberg.

Alessia fa partire lo step 2. Dopo una serie di buone centrali, è il momento delle centrali pessime: Dando è costretto a prendere un secondo termovalorizzatore, ma anche gli altri o si accontentano o passano il giro. Dando, che può illuminare solo 12 città, corre col Massi per eliminare le piccole centrali dal tabellone. Purtroppo per lui, ogni piccola centrale eliminata ne fa uscire un’altra simile. Alessia rallenta e si porta in ultima posizione.

Alla fine Dando è costretto ad aggiudicarsi una centrale da 6 città a 50 Elektro. Per sua sfortuna, la carta successiva è quella dello step 3. Ne beneficia parzialmente il Massi (che spende 56 Elektro per una centrale a petrolio da 6) e il Paga (che fa l’upgrade alla sua centrale nucleare) ma soprattutto Alessia, che si aggiudica il Merdodromo Supremo, una centrale a petrolio da ben 9 città, al prezzo base.

Ci si avvicina alla fine della partita: Dando e Massi hanno più città, ma per superare Alessia devono tornare sul mercato (il primo illumina 15 città pur avendone 16, il secondo nel può illuminare 17 ma ne ha 13). Alessia sfrutta la sua ultima posizione per acquistare a buon prezzo il doppio dei materiali per le sue centrali: non vuole correre il rischi nell’approvvigionamento del turno successivo. Il Paga, vedendo che Alessia pianifica un turno aggiuntivo, acquista risorse per solo due delle sue tre centrali: evidentemente vuole dedicare il turno all’espansione.

Ma è Alessia che sorprende tutti e chiude subito la partita: sfruttando tutti i soldi risparmiati durante i turni nei quali non si è espansa, connette in un sol colpo ben 8 città e determina la fine della partita. A Massi non resta che espandersi a 17 città: Paga e Dando, con 12 e 15 città illuminabili, rinunciano all’espansione e chiudono la classifica. Alessia trionfa con un blitzkrieg, vendica la sconfitta della Roma e torna alla vittoria dopo un po’ di tempo.

Classifica:

  1. Alessia 19 città
  2. Massi 17 città
  3. Dando 15 città
  4. Paga 12 città


,

I commenti sono chiusi.