Tag Archives: czech games

Radar: Tzolk’in – The Mayan Calendar

01/10/2012

1 Commento

Il gioco è ambientato in epoca Maya, molto atteso per la meccanica principale del gioco, definita “worker placement dinamico”: la plancia del gioco è infatti dominata da una serie di ingranaggi, collegati tra di loro da una ruota dentata centrale

Leggi tutto...

Radar: Goblins, Inc.

20/09/2012

4 Commenti

Goblins, Inc. è una multinazionale che costruisce terribili robot distruttori. Il nuovo Amministratore delegato sarà scelto in base all’abilità di costruire, assemblare e manovrare questi mostruosi giganti di ferro.

Leggi tutto...

Spiel 2010 – Giorni tre/quattro

05/11/2010

2 Commenti

Spiel 2010 – Giorni tre/quattro

Affrontiamo il terzo giorno di fiera con la calma olimpica di chi ha la coscienza a posto. Decidiamo di dedicare la giornata a provare i giochi su cui siamo ancora indecisi, a prendere quelli che non erano a rischio sold-out e a scoprire qualche perla nascosta. Norenberc, fumata nera Norenberc è la nostra prima priorità. […]

Leggi tutto...

Dungeon Lords

28/02/2010

Commenti disabilitati su Dungeon Lords

Dungeon Lords è un gioco di ambientazione fantasy di Vlaada Chvatil pubblicato dalla Czech Games nel 2009. Come in Dungeon Keeper (il videogioco della Bullfrog della fine degli anni Novanta), i giocatori, in veste di Custodi del Dungeon, devono preparare il proprio dungeon allo scontro con gli Eroi che osano avventurarsi. Il gioco si svolge […]

Leggi tutto...

Spiel 2009, secondo giorno (e nottata!) di giochi

31/10/2009

5 Commenti

Il secondo giorno di Essen 2009 decidiamo di continuare a giocare prima di comprare: l’anno scorso le giornate di sabato e domenica erano davvero impraticabili, per cui decidiamo nuovamente di trovare tavoli liberi, rimandando gli acquisti al giorno dopo. Come promesso, facciamo un salto allo stand della Cranio Creations, dove Lorenzo e Lorenzo hanno realizzato […]

Leggi tutto...

Spiel 2009, primo giorno di fiera a Essen

26/10/2009

8 Commenti

La folle idea di farsi 1200 chilometri in una sola tappa (per arrivare a Essen mercoledì alle tre di notte) ha il suo vantaggio: alle 9:30, invece di stare in mezzo al traffico teutonico del giovedì mattina, eravamo già col biglietto per la quattro giorni davanti all’ingresso dello Spiel

Leggi tutto...